BATATA CAJAPO

batata-cajapobatata-cajapo

BATATA CAJAPO

22,90 IVA inclusa

Riequilibra metabolismo dei carboidrati, dei trigliceridi e del colesterolo

Condividi sui Social!

BATATA CAJAPO

Riequilibra metabolismo dei carboidrati, dei trigliceridi e del colesterolo

Batata Cajapo è un integratore a base di Ipomea Batatas.

Ipomea Batatasnon è un tubero, ma una radice tuberosa o rizotubero che non appartiene alla famiglia delle Solanacee, ma a quella delle Convolvulaceae.
Integratore alimentare a base di estratti di Ipomea batatas, una radice o rizotubero che contiene:

  • vitamine A e C (e in minore quantità B ed E)
  • fibre
  • proteine
  • potassio
  • magnesio
  • ferro
  • calcio
  • flavonoidi e antociani (dal grande potere antiossidante e anti-aging)

L’Ipomea batatas, aiuta a riequilibrare il metabolismo dei carboidrati, trigliceridi e colesteolo.

Aiutando a regolare la glicemia nel sangue e i valori dei trigliceridi e del colesterolo.
Si tratta di due fattori che, se alti, possono favorire la sindrome metabolica, una condizione di salute che può favorire disturbi cardiovascolari.

Cajapo (Ipomea batatas L. Lamb) da noi utilizzata è certificata biologica

Formato: 90 capsule da 900 mg

STUDI CLINICI A PROPOSITO

OBIETTIVOstudiare la tollerabilità, l’efficacia e la modalità d’azione di Cajapo, un estratto di patate dolci, sul controllo metabolico in pazienti diabetici di tipo 2.

OBIETTIVO DELLA RICERCA:

  • ABBASSAMENTO LIVELLI DI GLUCOSIO
  • ABBASSAMENTO LIVELLI COLESTEROLO E LIVELLLI LIPIDICI
  • RIDUZIONE DEL PESO CORPOREO

DISEGNO E METODO DI RICERCAQuesta indagine è stata eseguita su un totale di 61 pazienti con diabete di tipo 2 clinicamente stabili trattati solo con dieta e reclutati dagli studi dei medici di base. Lo studio è stato controllato con placebo, randomizzato e in doppio cieco. I pazienti sono stati divisi casualmente in due gruppi: il gruppo 1 ha consumato Cajapo 4 g/die, il gruppo 2 ha consu- mato placebo.

RISULTATI

Glicemia a digiuno, OGTT e postprandiale

Dopo il trattamento con Caiapo, l’HbA1c è diminuita in modo significativo da 7,21 a 6,68, mentre è rimasta invariata nei soggetti trattati con placebo. La glicemia a digiuno è diminuita nel gruppo Caiapo da 143,7 a 128,5 1,7 mg/d) e non è cambiata nel gruppo placebo.

studio batata

Cambiamenti nella concentrazione di glucosio a digiuno nei due gruppi di tratta- mento durante il periodo di studio. Gli asterischi indicano differenze significative per Cajapo rispetto al placebo (*P 0,05; **P 0,001).

 

 

 

 

 

 

Peso Corporeo

Nel gruppo Caiapo, il peso corporeo era correlato al miglioramento del controllo glicemico. I livelli di glucosio a due ore erano significativamente diminuiti nel gruppo Caiapo, da 193,3 a 162,8 mg/dl, rispetto al gruppo placebo (191,7 9,2 contro 181,0 7,1 mg/dl).

Colesterolo e livelli ipidici

Il colesterolo medio alla fine del trattamento era significativamente più basso nel gruppo Caiapo 214,6 rispetto al gruppo placebo 248,7. Questi risultati hanno mostrato che Caiapo alla dose di 4 g/die per 6 settimane ha abbassato i livelli di colesterolo totale e LDL, così come la glicemia, aumentando la sensibilità all’insulina senza influenzare la secrezione di insulina.

studio batata 2

 

 

 

 

From the 1Department of Medicine III, Division of Endocrinology and Metabolism, University of Vienna, Vienna, Austria; 2Via Livio 14, Chiasso, Switzerland; and the 3Metabolic Unit, Institute of Biomedical Engineering, ISIB, National Research Council, CNR, Padova, Italy.

Address correspondence and reprint requests to Bernhard Ludvik, MD, Department of Internal Medicine 3, Division of Endocrinology and Metabolism, University of Vienna Medical School, Waehringer Guertel 18 –20, A-1090 Vienna, Austria. E-mail: bernhard.ludvik@akh-wien.ac.at.

Received for publication 30 July 2003 and accepted in revised form 15 October 2003. B.L. receives grant support for an ongoing study of Caiapo from Fuji Sangyo. G.P. received reimbursement from Fuji Sangyo for travel and lodging for the American Diabetes Association Scientific Sessions (New Orleans, LA, June 2003).
Abbreviations: OGTT, oral glucose tolerance test.
© 2004 by the American Diabetes Association.

COMUNICATO STAMPA – CNR PADOVA

Una patata al giorno… leva il medico di torno 21/10/2003
E’ il Caiapo, estratto dalla buccia della patata, il nuovo rimedio naturale per la cura del diabete. Gli effetti benefici sono stati accertati da ricercatori dell’Istituto di ingegneria biomedica del Consiglio nazionale delle ricerche (Isib-Cnr) di Padova, insieme ai colleghi della Terza clinica medica dell’universi- tà di Vienna. Una dieta quotidiana basata su cibi semplici e poveri ha sempre difeso l’uomo da alcune malattie. Recentemente è stato accertato che la patata, che non è mai mancata sulle tavole dei “poveri”, ha proprietà anti-diabete. Soprattutto in presenza del diabete mellito, di tipo II, cioè quello non insulino-dipendente.
La ipomea batatas, in particolare, una patata dolce di origine sudamericana, coltivata nella regione giapponese di Kagawa, viene mangiata cruda dalle popolazioni locali che, hanno constatato i ricercatori, non soffrono di alcune malattie come l’anemia, l’ipertensione e il diabete. Anzi le curano con l’estratto della sua buccia, il Caiapo, già in commercio in Giappone.
I ricercatori dell’Istituto di ingegneria biomedica del Cnr di Padova, in collaborazione con i ricercatori dell’università di Vienna hanno potuto constatare che il Caiapo, testato su un campione della popola- zione europea affetta da diabete di tipo II, ha la proprietà di ridurre la glicemia basale, il colesterolo e l’emoglobina glicata con conseguente miglioramento dello stato generale della salute del paziente. “Abbiamo potuto accertare – spiega Giovanni Pacini, ricercatore dell’Isib-Cnr e responsabile della ricerca – un aumento della capacità dell’insulina di favorire la scomparsa di glucosio dal sangue. I risultati dello studio, pubblicato su Diabetes care giornale ufficiale della American diabetes association, dimostrano con certezza – conclude Pacini – che l’estratto della buccia di patata può essere un utile agente naturale nel trattamento del diabete”.

Giovanni Pacini, Istituto di ingegneria biomedica del Cnr – Padova.


Puntosalutebenessere.com non vuole dare consigli terapeutici sulle patologie di qualsiasi tipo che rimangono di esclusiva competenza dei medici specialisti.
Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e devono essere utilizzati nell'ambito di uno stile di vita sano.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Subito per te un 5% di sconto sul primo ordine!
Assicurati di controllare la tua casella email per confermare l'iscrizione,
così resterai sempre aggiornato sulle nostre offerte speciali

Avendo letto l’informativa sulla privacy, acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte di Centro Naturale con finalità commerciali, come l'invio di comunicazioni marketing (newsletter e/o e-mail).